Club Federato ASI dal 1988

  VALTELLINA VETERAN CAR - SONDRIO
COSTITUITO IL 4 FEBBRAIO 1988 - FEDERATO A.S.I.

STATUTO
Modificato e approvato dalla assemblea del 14 aprile 2018
Registrato presso l’Ufficio del Registro di Sondrio

COSTITUZIONE E SCOPI

ART. 1
Il VVCAR (acronimo di Valtellina Veteran Car), associazione sportiva dilettantistica senza scopo di lucro, con sede in Sondrio, si costituisce allo scopo di:

  1. riunire in sodalizio gli amatori e/o possessori di veicoli di interesse storico.
  2. contribuire a mantenere nel tempo, diffondere e consolidare la cultura di detti veicoli non solo per il loro pregio artistico o tecnico, ma anche per il loro valore storico, culturale e sociale anche attraverso l’organizzazione di manifestazioni, raduni ed iniziative turistiche.
  3. Promuovere e contribuire a supportare iniziative di formazione e istruzione inerenti il motorismo storico.
  4. praticare, tutelare e diffondere la ricerca, il restauro e l’uso di detti veicoli
  5. stabilire relazioni con persone, enti, associazioni ed organizzazioni italiane e straniere aventi scopi similari

  6. Aderisce all’A.S.I., Automoto-club Storico Italiano, del quale si impegna di rispettare ed osservare i regolamenti, e per esso alla F.I.V.A. (Federation Internal Voitures Anciennes) o altre federazioni (CSAI-FISA) .

ART. 2
            Il VVCAR  persegue i fini sopraindicati a mezzo di riunioni periodiche dei suoi associati, attraverso l’organizzazione di attività sportive, culturali e turistiche concordanti con tali scopi e con l’adesione e la partecipazione alle manifestazioni indette da Enti riconosciuti e comunque non sconsigliati dall’A.S.I Automoto-club Storico Italiano.

ART. 3
            L’ Associazione non ha fini di lucro. Le quote associative ed i contributi comunque raccolti verranno erogati per provvedere alle spese necessarie per lo svolgimento della attività sociale.
            E’ altresì espressamente previsto: 1) il divieto di distribuire, anche in modo indiretto, utili o avanzi di gestione; 2) l’obbligo di devolvere il patrimonio dell’Ente, in caso di suo scioglimento per qualunque causa, ad altra associazione con finalità analoga e federata ASI.  3) l’obbligo di redigere e di approvare annualmente il bilancio dell’ attività dell’ Ente; 4) l’ intrasmissibilità della quota o del contributo associativo, ad eccezione dei trasferimenti a causa di morte e la non rivalutabilità della quota stessa.

ART. 4
            I beni immobili e mobili registrati di cui l’associazione sia eventualmente proprietaria per acquisto, lascito, donazione e tutti gli altri valori di cui abbia piena disponibilità a qualunque titolo, costituiscono il fondo comune dell’Associazione. Il Consiglio Direttivo ne dispone le forme di utilizzo.
Le eventuali rendite patrimoniali, le quote sociali annue nonché eventuali altri proventi derivanti dall’attività dell’Associazione costituiscono le entrate per provvedere al conseguimento dei fini sociali.
Le spese inerenti l’attività dell’Associazione devono essere approvate dal Consiglio Direttivo; l’omissione solleva il Consiglio stesso da ogni responsabilità e ne imputa il contraente in prima persona.

SOCI

ART. 5
            Possono far parte della associazione persone fisiche e giuridiche. L’iscrizione deve essere richiesta mediante domanda scritta su apposito modulo e contenente la dichiarazione di impegno ad accettare ed osservare le norme dello statuto vigente, condividere gli scopi dell’associazione e contribuire al raggiungimento degli stessi oltre che beninteso al rispetto delle norme di legge vigenti (es.privacy)
            L’acquisto della qualità di Socio è sottoposta a condizione dell’accoglimento della domanda stessa da parte del consiglio direttivo.
            Il numero dei Soci è illimitato e comprende:
            a) Soci Onorari - sono coloro che si sono distinti per chiari meriti nel campo dell’automobilismo e del motociclismo d’epoca.
            b) Soci Effettivi - sono coloro che, proprietari o non di automotoveicoli d’epoca, contribuiscono attivamente alla vita del Sodalizio.
            c) Soci Aderenti - sono coloro che desiderano far parte del VVCAR, pur appartenendo o non appartenendo ad altra Associazione federata all’Ente Nazionale.
            d) Soci Junior e Soci Familiari– sono coloro che sono accettati come socio con gli stessi diritti e doveri di un Socio Effettivo e possono beneficiare di una quota associativa di miglior favore o per la giovane età o perché appartenenti allo stesso nucleo familiare di un Socio Effettivo.
            I Soci Onorari sono esentati dal pagamento di quote di associazione.
            L’ammontare della quota associativa annuale, nelle diverse tipologie, nonché le modalità operative, sono stabilite dal Consiglio Direttivo.
            Tutti i Soci, che debbono aver compiuto il diciottesimo anno di età, hanno diritto di voto in Assemblea.
I Soci cessano di appartenere alla Associazione nei seguenti casi:
-           dimissione volontaria.
-           morosità ingiustificata protrattasi per oltre sei mesi dopo la scadenza del termine previsto e/o comunicato. Nei sei mesi successivi sarà possibile regolarizzare l’iscrizione previo pagamento del triplo della quota prevista per il rinnovo della tessera annuale.
-           esclusione deliberata a maggioranza dal Consiglio Direttivo previo parere non vincolante del Collegio dei Probiviri, pronunciata contro il Socio che si dimostra ripetutamente inattivo rispetto allo scopo sociale e/o commette azioni contrarie allo Statuto ed allo scopo sociale  e/o ritenute disonorevoli entro e fuori dalla Associazione, o che, con la sua condotta, costituisca ostacolo al buon andamento del Sodalizio.
L’ associato escluso non può essere più riammesso.
-           decesso.

ORGANI DEL CLUB

ART. 6
            Sono organi del VVCAR:
            a)         la Assemblea dei Soci
            b)         il Consiglio Direttivo
            c)         il Presidente
            d)        il Collegio dei Probiviri
            e)         il Collegio dei Revisori dei Conti

LA ASSEMBLEA DEI SOCI

ART. 7
            La Assemblea dei soci è il massimo organo deliberativo dell’Associazione.
            Potranno prendere parte alla Assemblea della Associazione i soli Soci in regola con il versamento della quota sociale annuale.
            L’ Assemblea dei Soci si riunisce in via ordinaria almeno una volta all’anno nel luogo di volta in volta indicato e su convocazione del Presidente a mezzo di comunicato esposto nella sede del Club, pubblicato sul sito internet dell’associazione e/o comunicato ai Soci a mezzo degli usuali mezzi di comunicazione (es mail) almeno 15 giorni prima della data fissata per la riunione. In via straordinaria, tutte le volte che il Consiglio Direttivo lo ritiene necessario o ne sia fatta richiesta scritta da almeno cinquanta soci.
            Nella convocazione vengono indicati gli argomenti all’ordine del giorno, l’ora ed il luogo della riunione in prima ed in seconda convocazione.
ART. 8
            La Assemblea è sovrana ed ha tutti i poteri necessari per conseguire gli scopi sociali.
            La Assemblea dei Soci delibera sui seguenti punti:
            a)        elezione del Consiglio Direttivo, dei Probiviri e dei Revisori dei Conti
            b)        discussione e approvazione del bilancio
            c)        direttive generali della Associazione
            d)        modifiche allo Statuto
            e)        scioglimento della Associazione
ART. 9
            - La Assemblea è regolarmente costituita e può validamente deliberare in prima convocazione, quando è accertata la presenza della metà più uno dei Soci.
            - E’ facoltà della Assemblea di decidere di volta in volta le modalità della votazione.
            - Il Presidente ed il Segretario della Assemblea vengono di regola eletti per acclamazione in apertura di seduta.
            - In seconda convocazione, almeno un’ora dopo quella indicata per la prima convocazione, la Assemblea è regolarmente costituita quale che sia il numero dei presenti e può validamente deliberare sull’ordine del giorno.
            - Le deliberazioni della Assemblea sono di regola approvate per alzata di mano sia in prima che in seconda convocazione e sono valide se approvate a maggioranza, cioè dalla metà più uno dei votanti.
            - E’ ammessa la delega ad un altro socio avente diritto di voto. Non sono consentiti cumuli di deleghe, ciascum socio può accettare una sola delega da parte di altri soci.
            - Per la elezione delle cariche sociali è di regola necessaria la consultazione per scheda segreta.
            - E’ espressamente garantito il diritto di voto, senza esclusione alcuna, nonché la libera eleggibilità degli organi amministrativi dell’Ente.
            - Tutte le cariche dell’Ente sono sono onorifiche e gratuite, salvo il rimborso delle spese sostenute, comprovate da idonee documentazione.

IL CONSIGLIO DIRETTIVO

ART. 10
            Il Consiglio Direttivo rappresenta l’organo dirigente dell’Associazione.
            Eletto dalla Assemblea dei Soci è composto da un minimo di cinque ad un massimo di tredici membri. Al momento delle elezioni l’assemblea dei Soci può anche definire un numero di membri diverso ma mai inferiore a cinque e valido solo per quella specifica elezione. Possono farne parte tutti i Soci con almeno due anni di anzianità e non sono ammesse più di una candidatura per nucleo familiare. Nel Consiglio Direttivo non può essere eletto il Socio che ricopre cariche sociali in altre associazioni che perseguono scopi contrari all’art. 1 del presente Statuto.
            L’ attribuzione delle cariche sociali (Presidente, Vice Presidente, Segretario, Tesoriere) è riservata al Consiglio Direttivo eletto, che le sceglie a maggioranza nel proprio seno. Al Consigliere che ricopre cariche sociali in altre organizzazioni che perseguono scopi similari, non possono essere attribuite le cariche sociali di Presidente, Vice Presidente, Segretario, Tesoriere. Il Tesoriere ed il Segretario possono anche essere soggetti esterni al Consiglio. Il Tesoriere può fungere da Segretario e viceversa.
            Il Consiglio Direttivo rimane normalmente in carica per quattro anni, è rieleggibile e si riunisce ogni qualvolta il Presidente lo ritenga necessario, oppure se ne sia fatta richiesta da almeno quattro consiglieri, senza formalità e comunque almeno cinque volte all’ anno.
            Il consigliere assente ingiustificato per tre riunioni consecutive decade automaticamente e può essere sostituito da un altro Socio con delibera a maggioranza del Consiglio stesso. Rimane in carica fino alla scadenza naturale ed originale del Consiglio.
            Nel caso in cui venga meno per dimissioni o revoca la metà più uno del Consiglio Direttivo, l’intero Consiglio Direttivo decade. In questo caso il Consiglio Direttivo rimasto in carica dovrà provvedere ad indire nuove elezioni (al massimo entro la fine dell’anno in corso) per tutte le cariche sociali di tipo elettivo (Consiglio Direttivo, Collegio dei Probiviri e Collegio dei Revisori).
            Le decisioni del Consiglio Direttivo sono prese a maggioranza dei presenti ed hanno potere deliberativo sulla gestione del Club. Al Consiglio Direttivo è attribuito il potere di ordinaria e straordinaria amministrazione salvo che diversamente stabilito al momento della elezione. In caso di parità prevale la decisione del Presidente.

IL PRESIDENTE

ART. 11
            Il Presidente dirige la Associazione ed ha la legale rappresentanza del club. Provvede a riunire il Consiglio Direttivo ogni qualvolta ne ravvisi la necessità e comunque almeno due volte all’ anno.
            In caso di sua assenza, impedimento o dimissioni, la rappresentanza è delegata al vice Presidente per un periodo massimo di tre mesi al termine del quale il Consiglio dovrà provvedere all’attribuzione delle cariche sociali mancanti.

LE COMMISSIONI

ART. 12
Per il più efficace conseguimento degli scopi dell’Associazione, il Consiglio Direttivo può istituire tutte le Commissioni che riterrà opportune. Esse avranno durata annuale rinnovabili di anno in anno. Le funzioni delle stesse sono organizzative e  consultive. Tali commissioni avranno le funzioni ad esse delegate dal Consiglio stesso con facoltà di iniziative e di proposte da presentare al Consiglio per l’esame, lo studio delle questioni che rientrano nelle rispettive competenze. La Commissione è composta dal Presidente di Commissione, nominato dal Consiglio direttivo, e tanti membri secondo necessità a loro volta nominati dal Presidente della Commissione. Sia il Presidente della Commissione che i membri di commissione devono essere soci del Valtellina Veteran Car da almeno due anni ed essere in regola con la quota associativa dell’anno. I Presidenti ed i componenti delle Commissioni potranno sempre essere revocati dal Consiglio Direttivo. Il Presidente della Commissione ha diritto a partecipare alle riunioni del Consiglio Direttivo senza diritto di voto. In caso di dimissioni del Presidente della Commissione decade l’intera Commissione.

COLLEGIO DEI PROBIVIRI

ART.  13
            Il Collegio dei Probiviri è composto da tre membri designati ogni quadriennio dall’Assemblea dei Soci ed è rieleggibile. Essi eleggeranno nel loro seno un Presidente ed un Segretario i cui nominativi verranno comunicati al Consiglio Direttivo .
E’ competente per esaminare e giudicare condotte e/o comportamenti dei Soci contrari ad ogni più elementare principio di correttezza anche associativa, ivi comprese le trasgressioni alle norme statutarie. Il giudizio del Collegio sarà inappellabile, salva richiesta di revisione per gravi motivi. In ogni caso i soci con l’iscrizione all’Associazione si impegnano a non adire le vie legali per eventuali divergenze che sorgano con l’Associazione stessa e tra loro per motivi dipendenti dalla vita sociale, riconoscendo la competenza esclusiva del Collegio dei Probiviri. Possono essere eletti componenti del Collegio dei Probiviri i soci che non rivestano altre cariche nell’Associazione.

COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI

ART. 14
            Il controllo sulla regolare tenuta della contabilità è affidato ad un Collegio composto da uno a tre Revisori nominati dall‘Assemblea dei Soci. Essi durano in carica quattro anni e possono essere riconfermati. Hanno libero accesso alla contabilità dell’Associazione previo accordo operativo concordato con il gestore contabile e sono tenuti ad almeno una verifica annuale preliminare alla redazione del consuntivo annuale. Il risultato della verifica viene consegnato al Consiglio Direttivo che lo allega al consuntivo del rendiconto annuale per poi essere approvato dall’Assemblea dei Soci.

NORME GENERALI

ART. 15
            La predisposizione del regolamento attuativo relativo al presente statuto è demandata al Consiglio Direttivo. In caso di scioglimento della Associazione, la Assemblea dei Soci nominerà il liquidatore ed indicherà la destinazione da darsi al patrimonio sociale in conformità a quanto previsto dall’art.3, punto 2, del presente Statuto e con salvezza di future diverse disposizioni di legge.

Valtellina Veteran Car